5 consigli per trovare l'azienda (di vendita) giusta per voi

Più di 40% dei dipendenti stanno pensando di lasciare il lavoro quest’anno, secondo un sondaggio Microsoft. . Analogamente, un sondaggio UK condotto su 2.000 lavoratori ha rilevato che quasi 25% degli intervistati sono insoddisfatti del proprio ruolo. Circa un terzo ha dichiarato di volere uno stipendio più alto, mentre 23% hanno riferito di non sentirsi valorizzati sul lavoro. L’ultima cosa che si vuole è affrontare la fatica di trovare un lavoro e poi rendersi conto che non è adatto. Quando si è appena laureati, è importante entrare in un’azienda che dia la possibilità di imparare e crescere. Potreste anche essere alla ricerca di un lavoro che vi permetta di creare connessioni, acquisire nuove competenze e identificare i vostri punti di forza. Il problema è che molti neoassunti non sanno cosa aspettarsi da un’organizzazione finché non iniziano a lavorarci. Di conseguenza, finiscono per svolgere lavori che non amano o che non interessano. Alcuni amano il loro lavoro, ma si sentono inadeguati. Altri amano tutto di un’azienda, ma non riescono a progredire nel loro ruolo attuale. Quindi, come potete determinare se un’azienda è la più adatta a voi prima di accettare la sua offerta? Scopriamolo!

Mappa le tue aspettative

Innanzitutto, cercate di capire cosa vi aspettate da un potenziale datore di lavoro. Volete lavorare per un’azienda che offra opportunità di crescita? Che ne dite di una che investe nella formazione e nello sviluppo dei dipendenti? Preferite entrare in un’organizzazione con una cultura competitiva o in una in cui la pressione per il successo è minima? Siate onesti con voi stessi e considerate ciò che state cercando. Sebbene uno stipendio adeguato sia importante, dovrete tenere conto anche della cultura, dei valori e dell’ambiente di lavoro di un’azienda. Anche il management è importante. Se non siete soddisfatti della cultura aziendale o del gruppo dirigente, potreste non sentirvi sufficientemente motivati a fare del vostro meglio. Allo stesso modo, potreste perdere la motivazione se vi sentite sottovalutati, stressati o sovraccaricati di lavoro. Alcuni dipendenti lasciano il lavoro perché sentono che il loro lavoro non è significativo. Altri prendono questa decisione dopo essersi resi conto che non viene data loro l’opportunità di fare carriera.

Pensare in modo olistico

Il pensiero olistico consiste nel vedere il quadro generale. In questo contesto, pensate a come il nuovo ruolo si adatta al vostro stile di vita e ai vostri obiettivi di carriera. Supponiamo che abbiate trovato un’azienda che soddisfa tutte le vostre esigenze. Il lavoro è ottimo e prevede un’importante retribuzione, i valori dell’azienda sono in linea con i vostri e ci sono molte opportunità di crescita. Il problema è che potreste dover fare gli straordinari nei periodi di maggiore affluenza, come ad esempio durante le festività. Inizialmente volevate un lavoro in un’organizzazione che offrisse la possibilità di lavorare in orario flessibile o di telelavoro. Sebbene siate entusiasti del lavoro, non prendete una decisione affrettata. Prima di tutto, valutate le vostre opzioni e stabilite le vostre priorità. L’impegno di tempo ne vale la pena? Dovrete comunque fare gli straordinari durante la vostra carriera? Pensate di riuscire a conciliare lavoro e vita privata? Ricordate che non esiste una risposta giusta o sbagliata. Date priorità a ciò che vi sta più a cuore e siate realistici su ciò che potete o non potete fare. Considerate i vantaggi a lungo termine e il loro allineamento con le vostre aspirazioni di carriera.

Dati una lezione di geografia

Potreste trovare un ottimo lavoro in una piccola città, ma vorreste vivere a Berlino, Londra o in un’altra grande città. Tuttavia, questo non significa che dobbiate rifiutare l’offerta. Molte aziende trasferiscono i propri dipendenti man mano che fanno carriera. La ricollocazione dei dipendenti di solito comporta adeguamenti di stipendio o bonus, date di inizio flessibili e altri vantaggi. Basta lavorare sodo per riuscirci. Attenzione, però: vivere in una grande città non è economico. Il costo della vita a Monaco, per esempio, è di quasi 900 euro (senza affitto) al mese per una persona sola. A Lipsia, bastano 741,92 euro al mese per vivere comodamente. Gli stipendi sono più alti nelle grandi città, ma si spenderà anche di più per cibo, affitto, abbigliamento, trasporti e altri beni o servizi. Pertanto, è importante entrare in un’azienda che paghi salari equi e dia ai propri dipendenti la possibilità di fare carriera. Considerate il tipo di alloggio che potete permettervi e la lunghezza del tragitto. Se sognate di lavorare all’estero, documentatevi sugli aspetti sociali e culturali. A Stoccolma, ad esempio, le liste d’attesa per le case in affitto durano 20 anni, come riporta la BBC. La maggior parte degli espatriati vive in appartamenti condivisi o sceglie affitti di seconda mano, che sono molto più costosi dei contratti di prima mano. In questi casi, è meglio informare i potenziali datori di lavoro delle vostre preoccupazioni e lavorare insieme per trovare una soluzione.

Prepararsi per un colloquio a due

Un modo per saperne di più su un potenziale datore di lavoro è porre domande specifiche durante il colloquio di lavoro. È probabile che la maggior parte dei datori di lavoro sarà lieta di rispondere alle vostre domande e di affrontare eventuali dubbi. Il costo medio per assunzione è di oltre $4.100, quindi è nell’interesse dell’azienda assicurarsi che siate adatti al ruolo. Fate ricerche sull’organizzazione in anticipo. Ad esempio, potete cercare di saperne di più sui suoi top performer e sui loro percorsi di carriera. Consultate i loro profili LinkedIn o cercate i loro nomi su Google per vedere cosa viene fuori. Inoltre, cercate informazioni sulla leadership dell’azienda, sulla cultura aziendale, sui risultati ottenuti e sul tasso di turnover. Cercate anche eventuali eventi o notizie recenti. Quindi, scrivete le vostre domande e preparatevi a un colloquio a due. Considerate di chiedere quanto segue:
  • Che cosa si aspettano da voi?
  • Come misurano il successo?
  • Quale tipo di persona è più probabile che abbia successo?
  • Quali sono i loro progetti per il futuro?
  • Quanta autonomia avresti nel tuo ruolo?
  • Lavorerete in un team o da soli?
  • Il suo ruolo le insegnerà le sue competenze trasferibili?
  • Che tipo di equilibrio tra lavoro e vita privata puoi aspettarti?
  • Offrono programmi di formazione e opportunità di avanzamento di carriera?
Ponendo le domande giuste, dimostrerete il vostro interesse per l’azienda e il lavoro. Allo stesso tempo, otterrete informazioni preziose che vi permetteranno di prendere decisioni migliori.

Ricerca dei potenziali datori di lavoro

Prima di accettare un’offerta di lavoro, prendetevi il tempo di fare un po’ di ricerche. Controllate il sito web e le pagine dei social media dell’azienda, leggete gli articoli economici e verificate cosa dicono i dipendenti. I siti web di valutazione delle aziende come Vault, INC. 5000, Glassdoor e Indeed possono fornire informazioni preziose. Potreste anche leggere le recensioni dei clienti per avere un punto di vista esterno. Utilizzate queste informazioni per determinare se siete adatti alla cultura dell’azienda. Anche le foto condivise dai dipendenti sui social media possono dire molto sugli sforzi di diversità e inclusione dell’azienda. Un’organizzazione che non dice nulla dei suoi dipendenti e del loro duro lavoro sul suo sito web e sulle sue pagine online dovrebbe far scattare un campanello d’allarme. Lo stesso vale per le aziende che registrano un elevato turnover, licenziamenti diffusi o un’ondata di polemiche da parte dei media. Cercate di scoprire come l’azienda ha reagito nei momenti di controversia o di incertezza. Durante la serrata ci siamo adoperati per sostenere il benessere mentale dei nostri dipendenti, introducendo, tra gli altri vantaggi, i mercoledì del benessere, orari flessibili e opzioni di lavoro a distanza.

Entrare in un’azienda che valorizza i suoi dipendenti

Trovare il datore di lavoro perfetto richiede tempo e fatica, ma vale la pena aspettare. Cercate un’azienda che metta i suoi dipendenti al primo posto e che premi il duro lavoro. Fate delle ricerche, fate le domande giuste e fidatevi del vostro istinto. Soprattutto, pensate a lungo termine e stabilite le vostre priorità. Frank Recruitment Group offre tutto ciò che serve per costruire una carriera entusiasmante nel settore delle vendite. I nostri dipendenti beneficiano di programmi di apprendimento personalizzati e hanno la possibilità di lavorare da oltre 20 uffici in tutto il mondo. Riconosciamo e premiamo i loro risultati con viaggi pagati, bonus, promozioni e altri vantaggi.

Potremmo fare al caso vostro?

Unisciti a Frank Recruitment Group e fai il primo passo verso una carriera entusiasmante e gratificante nel settore tecnologico.

Il più recente

日本カントリーヘッド就任のお知らせ

この度、2024年2月1日付けで、フランク リクルートメント グループ 日本カントリーヘッドに、アレキシス マブロプロスが就任いたしました。
アキシスは、日本のリクルートメント業界において豊富な経験を持つリーダーであり、アレキシスのリーダーシの下、APAC全域で躍進を続ける当社の日本部門は、さらなる成長と発展を遂げていくことでしょう。

Continua a leggere "

Il presidente del Frank Recruitment Group Morris è stato nominato Campione del cambiamento

La presidente del Frank Recruitment Group, Zoë Morris, è stata nominata come pioniera del personale nell'ultimo elenco Staffing 100 Europe.

Continua a leggere "

Dovete includere una foto nel vostro curriculum? 

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, le pratiche standard relative alle domande di lavoro continuano a cambiare e ad evolversi. L'idea di entrare in un'azienda e distribuire copie del proprio curriculum è più o meno caduta in disuso, ma alcune domande hanno trovato una sorta di forza di resistenza.

Continua a leggere "

Leggi tutto dal nostro blog

Notizie aziendali

日本カントリーヘッド就任のお知らせ

この度、2024年2月1日付けで、フランク リクルートメント グループ 日本カントリーヘッドに、アレキシス マブロプロスが就任いたしました。
アキシスは、日本のリクルートメント業界において豊富な経験を持つリーダーであり、アレキシスのリーダーシの下、APAC全域で躍進を続ける当社の日本部門は、さらなる成長と発展を遂げていくことでしょう。

Continua a leggere "
Premi

Il presidente del Frank Recruitment Group Morris è stato nominato Campione del cambiamento

La presidente del Frank Recruitment Group, Zoë Morris, è stata nominata come pioniera del personale nell'ultimo elenco Staffing 100 Europe.

Continua a leggere "
Blog sul reclutamento

Dovete includere una foto nel vostro curriculum? 

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, le pratiche standard relative alle domande di lavoro continuano a cambiare e ad evolversi. L'idea di entrare in un'azienda e distribuire copie del proprio curriculum è più o meno caduta in disuso, ma alcune domande hanno trovato una sorta di forza di resistenza.

Continua a leggere "
it_ITItalian
Powered by TranslatePress »