Il secondo episodio di Tech's Leading Women è qui

È stato lanciato oggi il secondo episodio del nostro vodcast Tech's Leading Women. La serie di sei puntate presenta una serie di voci di spicco del settore tecnologico, che parlano dei problemi che hanno incontrato durante la loro carriera e forniscono consigli pratici su come le organizzazioni possono superarli.

L'episodio di questa settimana è stato condotto da Nabila Salem, presidente di Revolent, che ha parlato con Stuart Mills, vicepresidente di Trailhead & Ecosystems di Salesforce, Olly Wynyard Gonfond di Indigenous Consulting di PWC e Barbara Gottardi di Vanguard, CIO e direttore non esecutivo con oltre 20 anni di esperienza.

Tra di loro, hanno chiesto (e risposto!) alla domanda: stiamo cercando i talenti nel posto giusto? Ecco i tre punti chiave della loro discussione:

Miti sulla tecnologia

L'episodio di questa settimana è iniziato con il superamento di alcune idee sbagliate che esistono attualmente nel settore, in particolare quando si parla di diversità. Stuart ha iniziato con un'osservazione interessante sull'aspetto delle persone nel settore tecnologico. "Credo che il primo mito da sfatare sia che tutti assomigliano a me! Intendo dire che il fatto che ci siano solo uomini bianchi è un mito. C'è un'incredibile diversità nella tecnologia, che deve migliorare e aumentare, assolutamente. Ma è un mito l'aspetto della tipica persona tecnologica, e questo include anche il fatto che si provenga da qualsiasi ambiente. Quello che ho scoperto nel mio lavoro è che le persone possono provenire da qualsiasi background: le lauree in filosofia, così come quelle in informatica, sono davvero importanti".

Olly è d'accordo e aggiunge: "Ci sono molte idee sbagliate sul tipo di persona adatta al settore tecnologico e, purtroppo, molte idee sbagliate su cosa significhino davvero diversità e inclusione e su come diventino una realtà nei nostri luoghi di lavoro. Nella mia esperienza, queste idee sbagliate derivano da incomprensioni molto profonde. Non credo che le persone si alzino dal letto con una missione di misoginia o razzismo ogni mattina, ma la loro mancanza di esposizione, di consapevolezza, di sicurezza culturale significa che la loro ignoranza può avere effetti reali e dannosi sulle persone che cercano di entrare in questo settore".

Barbara ha aggiunto che non sono cambiate solo le persone che lavorano nel settore tecnologico, ma anche i ruoli disponibili. Ha aggiunto: "Credo che alle ragazze piaccia l'idea delle carriere STEM, ma non vogliono stare tutto il giorno davanti al computer a scrivere codici. E credo che questo sia il vero cambiamento della tecnologia. Non si tratta più solo di qualcuno in una stanza con del codice, ma di qualcosa di molto più grande. Se si pensa a tutti i progetti di trasformazione che stiamo portando avanti in molte organizzazioni, la chiave del successo è la presenza di team interfunzionali in cui business e tecnologia diventano un unico team, al servizio del cliente. Credo che le competenze si stiano evolvendo e siano molto diverse. E penso che non essere solo un coder che si concentra sull'ultima tecnologia di punta diventi un vantaggio, perché non è necessariamente quello che i clienti vogliono davvero".

Dite le cose come stanno

Barbara ha poi spostato la conversazione sul valore dell'autenticità per incoraggiare un maggiore equilibrio quando si parla di diversità. "Penso che il messaggio debba essere inteso", ha detto. È facile dire: "Voglio aumentare la mia diversità", ma se non si rispettano i valori, si viene scoperti molto presto. Sono sicuro che tutti noi ci siamo trovati in una situazione in cui qualcuno vuole guidare il proprio flusso di diversità e inclusione perché così si presenterà bene, ma non ne ha la più pallida idea". perché dovrebbero farlo. E questo non funzionerà mai. Secondo la mia esperienza, non è una cosa che può fare una sola persona. Penso che una sola persona possa guidarla se capisce e crede fermamente che sia la cosa giusta da fare. Ma poi bisogna incoraggiare e responsabilizzare ogni singola persona dell'organizzazione a fare la differenza".

Olly è stato veloce nel condividere esempi di pregiudizi di cui è stato testimone in quanto dipendente aborigeno dalla pelle chiara in Australia, candidandosi a ruoli identificati per coloro che provengono dalle Prime Nazioni. "Ho visto persone deluse dal fatto che l'intervistato non fosse "più nero". sguardo come se avessimo degli aborigeni? È una visione molto ristretta del motivo per cui si fanno quelle cose". In sostanza, qualsiasi passo avanti verso il livellamento deve essere più di una semplice politica, ma un vero e proprio cambiamento culturale all'interno dell'organizzazione, basato sui benefici che la diversità porta, piuttosto che sul suo aspetto.

Trovare talenti

Infine, la conversazione si è spostata su come trovare in modo proattivo i talenti di cui la tecnologia ha disperatamente bisogno da questi gruppi diversi. Dopo che Nabila ha parlato della politica di "rimandare l'ascensore verso il basso" per i dirigenti senior, per aiutare coloro che sono all'inizio del loro percorso, la conversazione si è spostata su altri modi diversi di impegnarsi all'interno della comunità tecnologica per contribuire a ispirare il cambiamento.

Stuart ha parlato del modo in cui i gruppi di Salesforce raggiungono le diverse comunità, ma anche dell'importanza di lavorare tutti insieme alla fine. Ha detto: "Parliamo molto dei gruppi di risorse per i dipendenti nel contesto di diversi gruppi di minoranza, in particolare, e cerchiamo di pensare davvero alle reti di persone. Ad esempio, le minoranze nere e asiatiche nel Regno Unito e in tutto il mondo. Credo che, con tutte queste comunità diverse, sia necessario chiedersi come si muova la contiguità. E poi penso che considererei quasi la rete di pensiero, come possiamo creare programmi che riuniscano persone provenienti da diverse comunità di persone?".

Olly ha concluso con un'osservazione forse perfetta: in ultima analisi, a prescindere dal modo in cui lo facciamo, spetta a tutti noi guidare il cambiamento. "Ora abbiamo un intero strato di tecnologia che esiste sotto la superficie. Per quanto mi piacerebbe poter dire: andate su questo sito web o ascoltate questo podcast e capite questa tecnologia, in ultima analisi credo che la responsabilità torni a noi per raggiungere quelle comunità e quei luoghi in cui la visibilità e l'accessibilità non sono grandi".

È possibile ascoltare il secondo episodio di Tech's Leading Women qui.

Il più recente

日本カントリーヘッド就任のお知らせ

この度、2024年2月1日付けで、フランク リクルートメント グループ 日本カントリーヘッドに、アレキシス マブロプロスが就任いたしました。
アキシスは、日本のリクルートメント業界において豊富な経験を持つリーダーであり、アレキシスのリーダーシの下、APAC全域で躍進を続ける当社の日本部門は、さらなる成長と発展を遂げていくことでしょう。

Continua a leggere "

Il presidente del Frank Recruitment Group Morris è stato nominato Campione del cambiamento

La presidente del Frank Recruitment Group, Zoë Morris, è stata nominata come pioniera del personale nell'ultimo elenco Staffing 100 Europe.

Continua a leggere "

Dovete includere una foto nel vostro curriculum? 

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, le pratiche standard relative alle domande di lavoro continuano a cambiare e ad evolversi. L'idea di entrare in un'azienda e distribuire copie del proprio curriculum è più o meno caduta in disuso, ma alcune domande hanno trovato una sorta di forza di resistenza.

Continua a leggere "

Leggi tutto dal nostro blog

Notizie aziendali

日本カントリーヘッド就任のお知らせ

この度、2024年2月1日付けで、フランク リクルートメント グループ 日本カントリーヘッドに、アレキシス マブロプロスが就任いたしました。
アキシスは、日本のリクルートメント業界において豊富な経験を持つリーダーであり、アレキシスのリーダーシの下、APAC全域で躍進を続ける当社の日本部門は、さらなる成長と発展を遂げていくことでしょう。

Continua a leggere "
Premi

Il presidente del Frank Recruitment Group Morris è stato nominato Campione del cambiamento

La presidente del Frank Recruitment Group, Zoë Morris, è stata nominata come pioniera del personale nell'ultimo elenco Staffing 100 Europe.

Continua a leggere "
Blog sul reclutamento

Dovete includere una foto nel vostro curriculum? 

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, le pratiche standard relative alle domande di lavoro continuano a cambiare e ad evolversi. L'idea di entrare in un'azienda e distribuire copie del proprio curriculum è più o meno caduta in disuso, ma alcune domande hanno trovato una sorta di forza di resistenza.

Continua a leggere "
it_ITItalian
Powered by TranslatePress »