Dovete includere una foto nel vostro curriculum? 

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, le pratiche standard relative alle domande di lavoro continuano a cambiare e ad evolversi. L’idea di entrare in un’azienda e distribuire copie del proprio curriculum è più o meno caduta in disuso, ma alcune domande hanno trovato una sorta di forza di resistenza.

Come la questione di se si debba o meno scrivere una lettera di presentazione, o la discussione sull’opportunità di includere una foto o un’immagine nella propria candidatura, è qualcosa che cambia a seconda del contesto ma che raramente produce un consenso. In un’epoca segnata da approcci più deliberati all’assunzione inclusiva, le foto sui curriculum restano un tema caldo.

Ci troviamo in un momento in cui, fortunatamente, nessuno assume professionisti in base all’aspetto fisico, che tuttavia può influenzare inconsciamente la decisione di invitare qualcuno a un colloquio, in base a una serie di fattori. Avvalendosi di una rete di professionisti del reclutamento e della tecnologia, Frank Recruitment Group, società del Tenth Revolution Group, ha raccolto nuovi dati per valutare l’atteggiamento nei confronti di questo annoso enigma delle domande di lavoro nel 2023.

Risultati del sondaggio

. Dovresti includere una foto nel tuo curriculum? Sì 19% No 81%

Con la stragrande maggioranza degli intervistati che dichiara che la pratica è obsoleta, è chiaro che le aziende dovrebbero fare uno sforzo per scoraggiare questo fenomeno, o almeno avviare politiche che anonimizzino le risposte prima che arrivino sulle scrivanie dei responsabili delle assunzioni.

Rispondendo ai dati di questa nuova indagine, il presidente e amministratore delegato di Frank Recruitment Group James Lloyd-Townshend ha commentato: “È davvero interessante che i risultati si schierino così chiaramente a favore della scelta di non includere una foto nel curriculum, ma i risultati hanno sicuramente senso nel contesto della conversazione che stiamo vivendo su pratiche di assunzione più eque”.

Le decisioni di assunzione distorte non sono sempre consapevoli, ma è un tema comune che le persone assumano candidati che riflettono il loro background. Che si tratti di genere, etnia o persino classe, spesso ciò avviene in modo del tutto inconsapevole. Ecco perché molte aziende sono passate a pratiche di assunzione anonime per creare pratiche di assunzione più inclusive.

“Tra i commenti che abbiamo ricevuto dagli intervistati”, ha detto Lloyd-Townshend, “alcuni hanno evidenziato proprio questo: che l’inclusione di una foto può portare i candidati a essere giudicati in base al loro aspetto, sia in modo favorevole che sfavorevole”. Detto questo, uno degli intervistati ha fatto notare che i reclutatori daranno quasi sicuramente un’occhiata alla vostra pagina LinkedIn, e la mancanza di una foto può far sembrare il vostro profilo poco professionale o addirittura un po’ spammoso”.

Tuttavia, come ha aggiunto Lloyd-Townshend, ci sono ancora molti dettagli su un curriculum che possono identificare un candidato, il che rende fondamentale che qualsiasi modifica volta a migliorare le pratiche di assunzione sia adeguatamente pensata e agita in modo proattivo, per evitare che si trasformi semplicemente in un esercizio di spunta delle caselle.

“L’inclusione di una fotografia può esercitare un’influenza indebita sul processo di reclutamento, ma è anche vero che non includerla non rende automaticamente il processo più equo e inclusivo. Conoscere il nome o il sesso di un candidato, ad esempio, può far entrare in gioco anche pregiudizi inconsci. Le pratiche di assunzione eque sono sicuramente una conversazione importante e di ampio respiro, con ancora molto lavoro da fare”.

Metodologia

L’indagine è stata condotta sulla pagina Mason Frank International LinkedIn nel giugno 2023. Mason Frank International è una società del Gruppo Tenth Revolution. Il sondaggio era aperto alla rete di professionisti del reclutamento e della tecnologia di Mason Frank International e il numero di risposte è stato di 743.

Il più recente

日本カントリーヘッド就任のお知らせ

この度、2024年2月1日付けで、フランク リクルートメント グループ 日本カントリーヘッドに、アレキシス マブロプロスが就任いたしました。
アキシスは、日本のリクルートメント業界において豊富な経験を持つリーダーであり、アレキシスのリーダーシの下、APAC全域で躍進を続ける当社の日本部門は、さらなる成長と発展を遂げていくことでしょう。

Continua a leggere "

Il presidente del Frank Recruitment Group Morris è stato nominato Campione del cambiamento

La presidente del Frank Recruitment Group, Zoë Morris, è stata nominata come pioniera del personale nell'ultimo elenco Staffing 100 Europe.

Continua a leggere "

Dovete includere una foto nel vostro curriculum? 

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, le pratiche standard relative alle domande di lavoro continuano a cambiare e ad evolversi. L'idea di entrare in un'azienda e distribuire copie del proprio curriculum è più o meno caduta in disuso, ma alcune domande hanno trovato una sorta di forza di resistenza.

Continua a leggere "

Leggi tutto dal nostro blog

Notizie aziendali

日本カントリーヘッド就任のお知らせ

この度、2024年2月1日付けで、フランク リクルートメント グループ 日本カントリーヘッドに、アレキシス マブロプロスが就任いたしました。
アキシスは、日本のリクルートメント業界において豊富な経験を持つリーダーであり、アレキシスのリーダーシの下、APAC全域で躍進を続ける当社の日本部門は、さらなる成長と発展を遂げていくことでしょう。

Continua a leggere "
Premi

Il presidente del Frank Recruitment Group Morris è stato nominato Campione del cambiamento

La presidente del Frank Recruitment Group, Zoë Morris, è stata nominata come pioniera del personale nell'ultimo elenco Staffing 100 Europe.

Continua a leggere "
Blog sul reclutamento

Dovete includere una foto nel vostro curriculum? 

In un mondo del lavoro in continua evoluzione, le pratiche standard relative alle domande di lavoro continuano a cambiare e ad evolversi. L'idea di entrare in un'azienda e distribuire copie del proprio curriculum è più o meno caduta in disuso, ma alcune domande hanno trovato una sorta di forza di resistenza.

Continua a leggere "
it_ITItalian
Powered by TranslatePress »